La giurisprudenza dell’ Ordine Templare

La giurisprudenza del’ Ordine Templare si teneva nei Capitoli. I Templari tenevano due specie di Capitoli: quelli generali, nel corso dei quali erano prese le decisioni piu’ importanti che impegnavano l’Ordine dal punto di vista diplomatico, politico, militare o interno e che si costituivano anche in corte di appello per le colpe piu’ gravi o per quelle commesse dai dignitari; e i Capitoli ordinari, che si riunivano ogni settimana in tutte le Capitanerie dove si trovavano almeno quattro fratelli.

Armando di Perigord

Armando di Perigord rinnova la tradizionale alleanza con il sultano di Damasco, e tiene in scacco i mussulmani del Cairo, fortifica le citta’, le riedifica dalle rovine, costruisce dei castelli in pianura.

Ma un nuovo pericolo avanzava dall’Oriente, dai confini dell’Asia.

I mongoli irrompevano in Europa, sconfiggevano a Leignitz il duca di Polonia, la cavalleria tedesca del Nordmark e i Templari di Riga.

Pietro di Montaigu

Nel 1219 divenne Gran Maestro Pietro di Montaigu, Maestro in Spagna e Provenza, secondo la tradizione templare. La carriera dei Gran Maestri era in generale di breve durata, tredici su ventitre’ morirono in combattimento.

Pietro continuo’ l’assedio di Damietta, bombardandola senza tregua.

Gilberto Erail

Gilberto Erail, cavaliere di grande fama,  era stato sconfitto nell’elezione a Gran Maestro da Gerardo di Ridford, con grave danno per l’Ordine stesso. Ridford si era liberato di lui nominandolo Maestro in Spagna e in Provenza.

Mentre Ridford, con la sua follia, minava l’autorita’ dell’Ordine in Oriente, Erail l’aveva accresciuta con le sue vittorie nelle marche spagnole. Il nuovo Maestro aveva le stesse qualita’ di un Everardo di Barres e di un Blanquefort, buon capitano e attento amministratore.

Roberto di Sable

Roberto di Sable divenne Gran Maestro alla fine del 1186. Era amico di Riccardo Cuor di Leone, che da poco aveva venduto ai Cavalieri del Tempio l’isola di Cipro, sua conquista recente.

Il 2 agosto del 1190, Filippo Augusto di Francia, ritenendo di non aver nulla da guadagnare nella collaborazione con Riccardo cuor di Leone che del resto odiava, lascio’ la Siria, lasciando agli ordini del duca di Borgogna i suoi Baroni “pieni di furore e di collera”.

Gerardo di Ridford

Gerardo di Ridford riusci a prevalere nell’elezione a Gran Maestro, sull’abile e saggio Gilbert Erail, in seguito a probabili subdole manovre.

I Templari commisero lo stesso errore del 1171, quando avevano eletto Oddone di Saint-Amand, e probabilmente per le stesse ragioni.

Con un Maestro dell’Ordine quale Blanquefort o Everardo di Barres, forse la Terra Santa avrebbe potuto resistere, ma ormai era destino che la pia conquista di Goffredo da Buglione dovesse scomparire.

Arnaldo della Torroge

Arnaldo della Torroge era un vecchio cavaliere che ignorava ogni intrigo, antico Maestro del Tempio in Spagna.

Il suo comando a Gerusalemme duro’ breve tempo,ma fu segnato da tragici avvenimenti

il Re Lebbroso

Era re di Gerusalemme Baldovino IV, minato dalla lebbra, il Re Lebbroso.

Grazie alla sua sovrumana forza e nonostante si facesse portare in lettiga, l’eroico lebbroso riusci per parecchio tempo a tenere testa al Saladino: riconquisto’ la Galilea, impedi’ al sultano di impadronirsi si Aleppo e di Beirut, condusse una spedizione fino a Damasco.

Oddone di Saint-Amand

Oddone di Saint-Amand era Gran Coppiere del regno e vecchio Capitano di Gerusalemme quando divenne Gran maestro dei templari.

Ci dice di lui Guglielmo di Tiro “Un uomo che aveva nelle nari il soffio del furore, senza timore di Dio e senza rispetto per gli uomini…”

Egli si oppose al re Amaury quando il “Vecchio della Montagna”, capo della setta degli Ismaeliti e per di piu’ vicino ai franchi, aveva, nel 1172, proposto ad Amaury la sua alleanza contro i mussulmani e la sua conversione alla fede cristiana insieme a tutti i suoi.

Filippo di Milly

Di origine piccarda, il nuovo Maestro dei Templari Filippo di Milly possedeva una Signoria oltre Giordano.

Egli aveva cambiato questa signoria con quella di Naplouse (Nablus), di qui il suo nome Filippo di Naplouse.

La sua elezione e’ molto particolare e merita di essere citata, nonostante la breve durata della sua carica, perche’ esprime un nuovo orientamento del Tempio, molto riprovevole.

Ermanno di Salza Gran Maestro dell’ Ordine Teutonico

Nativo della Turingia, Ermanno di salza viene eletto Gran Maestro dell’Ordine Teutonico nel 1211, quarto Gran Maestro.L’Ordine Teutonico era di recente formazione, essendosi costituito ad Acri verso la fine del XII secolo.

L’Ordine accoglieva solo Tedeschi di nobile famiglia ed Innocenzo III gli aveva imposto la regola dei Templari. Sorto allo scopo di provvedere alle esigenze ospedaliere, L’Ordine annoverava la lotta contro gli infedeli tra le sue finaita’ fondamentali.

Qual’ e’ la storia vera dei Templari ?

I Templari sono un Ordine Monastico-Cavalleresco nato storicamente al tempo delle Crociate e diventato nella leggenda una specie di consorteria dedita all’ alchimia, alla fabbricazione dell’oro, a riti ritenuti ignobili.

Invisi all’ inquisizione, furono alla fine distrutti.

I TRE ORDINI MONASTICO-CAVALLERESCHI

Furono tre gli ordini monastico-cavallereschi che sorsero nell’Alto Medioevo, nell’epoca delle Crociate in Terra Santa: gli Ospitalieri di San Giovanni, i Cavalieri Teutonici ed i Cavalieri del Tempio, detti Templari.

L’ ordine degli Ospitalieri di San Giovanni, i Cavalieri di Malta

L’istituzione degli Ospitalieri e’ anteriore alle Crociate.

Esistevano da tempo dei conventi-foresterie che avevano lo scopo di accogliere i pellegrini occidentali che venivano in Terra Santa per visitare i luoghi dove era vissuto e morto Gesu’ Cristo.

Uno dei piu’ importanti era l’ Ospizio di San Giovanni, che, nonostante gli attacchi e le razzie dei mussulmani era attivo quando Goffredo di Buglione venne per conquistare Gerusalemme.