La Rosacroce

La RosaCroce nacque probabilmente verso la stessa epoca in cui Boehme componeva la sua opera magistrale. Il movimento si dichiarava fondato da un monaco tedesco che avrebbe viaggiato in Spagna e in Siria nella prima meta’ del secolo XV: Christian RosenKreutz.

L’esistenza di questo monaco puo’ essere messa in dubbio per due ragioni: non ne esiste traccia al di fuori del movimento Rosa Croce, e poi il nome stesso del riformatore sembra completamente inventato basandosi sul binomio Rosa e Croce, che era di per se’ simbolico.

Le prime sette nel medio evo

Le prime sette naquero intorno al Mille quando gli eruditi e i monaci si chiudono nei loro conventi e con la preghiera profonda, la disciplina e il sacrificio, ma anche l’esegesi, tentano di riafferrare il Regno di Dio che si sta dissipando nei costumi della Chiesa.

Coloro che per comprendere non sanno che farsi del sapere, inventano i primi Rosari -pietruzze messe l’una in fila all’altra- per meglio pregare la Misericordia, ed inventano la Fratellanza.

La religione catara

La religione catara e’ una forma medievale di cristianesimo. Si oppone alla religione ufficiale, e nel corso degli anni si crea un fossato sempre piu’ profondo tra due concezioni cristiane:una arcaica, staccata da questo mondo e rivolta verso l’al di la’, e una decisamente decisa a restare su questa terra, anche con la forza, per affermare un ordine voluto da Dio e governato dal papa.

I 10 fondamentali libri sull’ alchimia

Non si può pensare di intraprendere un percorso di conoscenza dei fenomeni alchemici senza leggere o conoscere questi fondamentali libri sull’ alchimia

È il primo passo di un percorso iniziatico che porterà a comprendere i concetti fondamentali delle pratiche alchemiche, del macrocosmo e del microcosmo, degli elementi, della loro trasformazione, e delle formule necessarie perché questa trasformazione avvenga.

Alchimia in Europa

Lo sviluppo dell’alchimia nel continente europeo fu dovuto all’Islam e in particolare ai califfati della Spagna.

Gli alchimisti di Cordova, Toledo, Granada e Siviglia, attraverso le loro ricerche di laboratorio, coniarono i nomi di nuovi elementi scoperti e di strumenti che furono in seguito adottati dalle lingue europee come, per esempio: l’alcol (alkol), la lacca (lac), l’alambicco (alanbiq), l’elisir (aliksir).

Alchimia Cinese

Le origini dell’ Alchimia Cinese si perdono nella notte dei tempi.

Da un punto di vista storico si può confermare che furono gli antichi maestri taoisti (tra questi spicca il grande Lu Tsu, al quale si deve Il segreto del Fiore d’oro, un’importante opera mistica) a formare un organico di alchimisti che riuscirono a influenzare numerosi imperatori delle più importanti dinastie.

Alchimia Indiana

Le origini dell’ alchimia Indiana sono tuttora un mistero; alcuni orientalisti e un gran numero di storici sostengono la tesi basata sulla tardiva comparsa del mercurio nei testi alchemici indiani, che fu in India introdotto dagli Arabi.

Altri studiosi invece affermano che il mercurio viene citato in alcuni antichi trattati del IV secolo d.C. e riferiscono che numerosi libri buddisti, redatti tra il II e il V secolo d.C., riportano argomentazioni relative alla trasmutazione dei metalli.

Alchimia Araba e Ibn ‘Arabi

L’Islam conquistò l’Egitto nel VII secolo d.C. e gli alchimisti musulmani recuperarono moltissime delle opere che erano sfuggite al terribile incendio della biblioteca di Alessandria, dando nuova linfa vitale alle conoscenze dell’Arte Regia nel bacino del Mediterraneo.

Anzi definirono l’antico Egitto come il crogiuolo della loro scienza sacra.

Alchimia significato

Alchimia significato e breve storia

L’alchimia ha origini antichissime ed è possibile dedurre che sia nata dall’esigenza dell’uomo di comprendere ed interagire con i misteri della natura e del creato. Ma la parola alchimia ha anche un significato piu’ semplice e si usa per descrivere una combinazione di elementi che concorrono per far si che si verifichi un determinato fenomeno.