Alchimia Cinese

Le origini dell’ Alchimia Cinese si perdono nella notte dei tempi.

Da un punto di vista storico si può confermare che furono gli antichi maestri taoisti (tra questi spicca il grande Lu Tsu, al quale si deve Il segreto del Fiore d’oro, un’importante opera mistica) a formare un organico di alchimisti che riuscirono a influenzare numerosi imperatori delle più importanti dinastie.

Alchimia Cinese

Infatti i concetti di trasmutazione dei metalli e di immortalità (comuni ad altri continenti) furono oggetto di ricerca e di studio, per esempio durante la dinastia Han (110 a.C.), periodo in cui furono definite delle regole precise sull’inumazione dei corpi dei nobili con suppellettili in oro e in giada, oggetti carichi di virtù simboliche di chiara matrice alchemica.

In epoca successiva l’alchimia cinese si divise in due branche distinte: la waitan, l’alchimia esterna o essoterica e la neitan, l’alchimia interna o esoterica.

La prima di queste opera con gli elementi esterni, quali erbe, metalli e minerali; la seconda interviene sul corpo e sulla mente dell’alchimista stesso con metodi di fisiologia mistica, che trova molte affinità con lo yoga tantrico indiano.

Huissu (515577 d.C.) e Peng Hsiao (vissuto tra la fine del IX e l’inizio del X secolo d.C.) lasciarono due importanti trattati, in cui descrissero in modo dettagliato la sostanziale differenza tra le due branche definendo wai-tan come l’alchimia che tratta le sostanze concrete e neitan come l’alchimia che utilizza solo le “anime” delle sostanze stesse.

Un importante testo sull’alchimia esoterica è il Trattato sul Drago e sulla Tigre, scritto da Su Tung’o nel 1110 d.C., dove si spiega che i processi alchemici vengono realizzati nel corpo e nella coscienza dell’operatore e i metalli simbolici sono descritti identificandoli con le varie parti dell’organismo umano.

Ma la via del nei-tan toccò il suo apice nel 1200 d.C. con la divulgazione dello Zen. Uno tra i maestri più importanti dell’alchimia taoistazen fu Ko Ch’angKeng, che definì i ruoli simbolici principali della via esoterica in: corpo fisico = Piombo, cuore = Mercurio, intelligenza = Fuoco, meditazione-consapevolezza = Acqua.

Di fatto anche questi processi alchemici cinesi, che si attivano nel corpo e nella mente dell’operatore, corrispondono alla trasmutazione dei metalli e alla realizzazione della Grande Opera dell’Occidente.

Riassunto
Titolo
Alchimia Cinese
Descrizione
Le origini dell' Alchimia Cinese si perdono nella notte dei tempi. Da un punto di vista storico si può confermare che furono gli antichi maestri taoisti (tra questi spicca il grande Lu Tsu, al quale si deve Il segreto del Fiore d'oro, un'importante opera mistica) a formare un organico di alchimisti che riuscirono a influenzare numerosi imperatori delle più importanti dinastie.
Autore
Editore
MM
Logo

Published by

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *