I 10 fondamentali libri sull’ alchimia

Non si può pensare di intraprendere un percorso di conoscenza dei fenomeni alchemici senza leggere o conoscere questi fondamentali libri sull’ alchimia

È il primo passo di un percorso iniziatico che porterà a comprendere i concetti fondamentali delle pratiche alchemiche, del macrocosmo e del microcosmo, degli elementi, della loro trasformazione, e delle formule necessarie perché questa trasformazione avvenga.

Libri sull’ alchimia

Ermete Trismegisto – Il Corpus hermeticum

Il Corpus Hermeticum è una raccolta di papiri, rinvenuti intorno al IV secolo dopo Cristo, contenenti incantesimi e procedure di iniziazione.

Viene descritta per esempio l’arte di imprigionare gli angeli o demoni all’interno di statue per poterli interrogare, ho le formule per dare la vita ad oggetti costruiti con materiali alchemici.

Intorno alla metà del 1400 un monaco fiorentino ritrovo durante un viaggio in Macedonia manoscritto in greco contenente il Corpus Hermeticum.

Di ritorno a Firenze consegnò questo manoscritto a Cosimo de’ Medici che incarico Marsilio Ficino di tradurlo dal greco in latino e poi in italiano volgare.

Lu Tzu – Il segreto del Fiore D’Oro

Il segreto del fiore d’oro o del grande uno è un libro scritto dal monaco Lu Tzu che visse verso la fine dell’ottavo secolo dopo Cristo che ha per oggetto le pratiche iniziatiche dei monaci taoisti cinesi.

Vi vengono descritti dei procedimenti di alchimia spirituale che hanno come fine quello di insegnare al praticante la via della immortalità dell’anima e del corpo.

Il segreto del fiore d’oro è un vero e proprio manuale di istruzioni dato all’iniziato per tornare al grande uno da cui è derivato cioè per porre fine all’incessante processo dell’individuazione dell’anima nella materia.

Questo procedimento detto del Tan Tien porta a non morire e chi muore senza conoscerlo non troverà l’unità di coscienza neppure dopo mille nascite ne in 10.000 anni.

Ibn Arabi – LA SAPIENZA DEI PROFETI

Tra le molte opere del filosofo, mistico, poeta ed alchimista Ibn Arabi, vissuto in Spagna a cavallo tra il 1100 e il 1200, questo libro è uno dei più rappresentativi perché descrive la via della conoscenza che l’iniziato deve intraprendere per diventare l’uomo perfetto.

L’uomo perfetto si distingue comune per l’energia spirituale o per l’aspirazione che è il suo strumento di creazione.

A lui appartiene il tesoro nascosto che rappresenta la conoscenza di tutti i nomi divini.

L’opera di Ibn ‘Arabi è considerata come il culmine dell’esoterismo islamico.

Wolfram von Eschenbach – Parzival

Cavaliere templare, alchimista e poeta tedesco, vissuto agli inizi del 1200, nel suo romanzo cavalleresco, che ispirò poi in Wagner nella scrittura della sua opera Parsifal, racconta il percorso iniziatico dei cavalieri alla conoscenza del Sacro Graal, e fu lui che Lego indissolubilmente due potenti icone medievali l’una all’altra il misterioso Graal e l’Ordine del Tempio.

Nel suo poema si ritrovano termini di dottrine alchemiche arabe unite ad alcuni simbolismi rivelatore delle pratiche iniziatiche a cui lui stesso si sottopose quali, simbolicamente, il destino di Feirefiz, il cavaliere bianco e nero che sposerà la fanciulla del Graal,la “dispensatrice di gioia”, o come il simbolismo della montagna, asse del mondo che congiunge la terra ed il cielo, luogo privilegiato dove il divino si svela e si fa riconoscere agli uomini.

Raimondo Lullo – Ars Generalis

Nell’ l’Ars Generalis di Raimondo Lullo che l’ ars combinatoria assurge al ruolo di scienza universale, in grado di rispondere ad ogni questione filosofica, di fondare i contenuti di ciascuna disciplina e di generare verità sempre nuove attraverso gli accostamenti dei simboli letterali che appaiono nelle suggestive ruote e tavole presenti in quasi tutte le opere del’ alchimista catalano.

Lo sviluppo e l’analisi di tutte le possibili combinazioni non è forse il metodo più fecondo per rintracciare le innumerevoli connessioni celate in un sistema di simboli e ricostruire quell’unico Vero che è l’Intero?

Lullo sostiene che mentre Dio può esercitare solo il bene, l’uomo può cadere nel male perché dispone solo del fuoco per purificare le cose terrene, ma con l’aiuto dei principi essenziali e con la fede può realizzare trasmutazioni naturali e raggiungere il bene.

Marsilio Ficino – Il libro del Sole

Marsilio Ficino, in polemica contro Aristotele, esalta la dottrina platonica, al punto da interpretarla come una forma di religiosità propedeutica alla fede cristiana ed attribuisce all’uomo una posizione privilegiata nel cosmo.

L’uomo, attraverso l’anima, pur partecipando ai tre ordini che governano le cose (la provvidenza che è l’ordine del mondo spirituale, il fato che è quello del mondo animale e la natura che è l’ordine dei corpi), si sottrae alla loro necessità dominandoli.

Pico della Mirandola – De hominis dignitate

La visione eclettica e universalistica di Pico della Mirandola abbraccia filosofie, religioni antiche e teologia cristiana. Egli stimava non soltanto gli antichi saggi, ma anche i pensatori dell’Islam, sino a tutta la tradizione magica e soprattutto la Cabala ebraica.

Pico sosteneva che ogni sistema filosofico rappresenta la verità da un certo punto di vista, in quanto le contraddizioni sono, secondo lui, per lo più apparenti, legate a modi espressivi più che a effettivi contenuti.

Nel De hominis dignitate Pico esalta l’uomo e la sua capacità. La vita della natura è considerata come una correlazione misteriosa di forze interagenti, controllabili dall’uomo (di qui l’interesse per magia, astrologia, mantica e mistica dei numeri). La natura resta però inferiore all’uomo, che coincide con l’essere, in quanto non è “contemplatore” ma “creatore”.

È l’uomo che dà un senso alla natura, che dà alla creazione unità e rispondenza al fine, essendo un legame che tiene unito il tutto in un sol punto.

Nostradamus – Le Profezie

Nostradamus fu un alchimista ed astrologo francese, uno tra i più famosi e importanti scrittori di profezie della storia. È famoso principalmente per il suo libro Le Profezie, che consiste di quartine in rima, raccolte in gruppi di cento, scritto nel 1555.

Les Propheties ricevettero diverse reazioni dopo la pubblicazione. Alcuni pensarono che Nostradamus fosse un servo del diavolo, un impostore o un pazzo, mentre gran parte dell’élite credeva che le sue quartine fossero profezie ispirate spiritualmente.

I poteri e lo speciali doti di preveggenza per cui Nostradamus oggi è noto a tutti, derivano dai suoi studi ma anche, pare, dalla dote congenita nelle origini della sua famiglia, egli infatti discendeva dalla tribù ebrea di Isscar.

Questa tribù si dice che si impossessò dei documenti rinvenuti nelle camere di iniziazione egizie, di tutte le formule geometriche, cosmologiche e algebriche usate in seguito nella Torah e nella costruzione del tempio di Salomone. Dopo la diaspora il sapere si tramandò fino ad arrivare nelle mani di Nostradamus.

Anche nella Bibbia vi è testimonianza del fatto che i discendenti di Isscar avessero speciali doti profetiche.

Giordano Bruno – De la causa, principio et uno

Riallacciandosi ad antiche tradizioni di pensiero, Giordano Bruno elabora una concezione animistica della materia, nella quale l’anima del mondo viene a identificarsi con la sua forma universale, e la cui prima e principale facoltà è l’intelletto universale.

Secondo Bruno tutta la materia è vita e la vita è nella materia, materia infinita e Dio non può essere al di fuori della materia semplicemente perché non esiste un “esterno” della materia: Dio è dentro la materia, dentro di noi.

Arrestato e processato per le sue idee considerate eretiche e per le sue pratiche alchemiche, l’8 febbraio 1600 è costretto ad ascoltare in ginocchio la sentenza di condanna al rogo.

Terminata la lettura della sentenza, il Bruno si alza e ai giudici indirizza la storica frase: «Maiori forsan cum timore sententiam in me fertis quam ego accipiam» («Forse tremate più voi nel pronunciare contro di me questa sentenza che io nell’ascoltarla»).

Dopo aver rifiutato i conforti religiosi e il crocefisso, il 17 febbraio, viene condotto in piazza Campo de’ Fiori, denudato, legato a un palo e arso vivo.

Le sue ceneri saranno gettate nel Tevere.

Cagliostro – Il vangelo di Cagliostro

Esoterista e alchimista, Alessandro, conte di Cagliostro, dopo una vita errabonda nelle varie corti europee, fu condannato dalla Chiesa cattolica al carcere a vita per eresia e rinchiuso nella fortezza di San Leo, il 26 agosto 1795.

Cagliostro, in seguito ad una visione avuta a Bordeaux, fondò la Massoneria di Rito Egizio. Tale massoneria risalente ai profeti biblici Enoch ed Elia, secondo una tradizione che vedeva nell’intervento di quei due profeti la premessa a un radicale mutamento della vita, con la successiva venuta di un “papa angelico” o dello stesso Cristo.

Scopo del Rito Egizio fosse la rigenerazione fisica e spirituale dell’uomo, il suo ritorno alla condizione precedente alla caduta provocata dal peccato originale.

Studioso delle opere di Ermete Trismegisto e dei Neoplatonici rinascimentali, Cagliostro ricopri’ il ruolo di grande maestro della storia, e fu colui che introdusse il motto Libertà, Uguaglianza, Fratellanza, divenuto poi il simbolo della rivoluzione francese.

Cagliostro si pone sulla scia di altre grandi figure che hanno tentato di rivoluzionare la visione delle cose cercando di restituire dignità all’essere umano, come ad esempio Giordano Bruno.

Per tale ragione l’Inquisizione fece il possibile per arginare la grande risonanza che il messaggio di Cagliostro stava riscuotendo in Europa, ma invece che scegliere direttamente la via dell’assassinio, che lo avrebbe reso martire alla storia, utilizzò la strategia del discredito e della calunnia.

Paulo Coelho – L’ Alchimista

Paulo Coelho nel suo libro, L’ Alchimista, propone un cattolicesimo infarcito di magia, spiritismo ed esoterismo.

Dedito a pratiche magiche ed alchemiche, nei suoi diari rifletteva sul come avere potere sugli elementi della natura e si avvicinò alla setta Ordo Templi Orientis.

Fu attratto soprattutto dalla totale libertà di pensiero e di comportamento sessuale, oltre che dalla potenza che avrebbe potuto esercitare sugli altri.

Riassunto
Titolo
10 fondamentali libri sull' alchimia
Descrizione
Non si può pensare di intraprendere un percorso di conoscenza dei fenomeni alchemici senza leggere o conoscere questi fondamentali libri sull' alchimia
Autore
Editore
MM
Logo

Published by

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *